L’investimento fattoriale attraverso gli ETF

 

Ottenere il massimo dai premi al rischio con gli ETF fattoriali

Nel contesto attuale, gli investitori alla ricerca di rendimento si indirizzano verso investimenti a rischio più elevato pur cercando di limitare le perdite potenziali. Le strategie Smart Beta & Factor Investing, attraverso ETF mono e multi-fattoriali, possono rappresentare la soluzione ottimale per coloro che cercano di destreggiarsi tra tali vincoli.

Gli indici fattoriali possono aiutare gli investitori a catturare i diversi premi al rischio disponibili sul mercato fornendo un’esposizione esplicita ai fattori di rischio sottostanti. Un’esposizione fattoriale può essere implementata a partire da fattori specifici o attraverso  una strategia multi-fattoriale.

Amundi offre un’ampia gamma di ETF a costo competitivo, che dà accesso a premi al rischio quali size, low volatility, high dividend, quality, momentum e value, principalmente sul mercato azionario europeo e US, nonché una gamma di ETF multi-fattoriali esposti alle azioni europee, mondiali e americane e sviluppati in collaborazione con ERI Scientific Beta.   

     

La nostra gamma di ETF fattoriali

   

Cos'è l’investimento fattoriale?

I fattori raggruppano azioni con caratteristiche simili e che presumibilmente si comporteranno nello stesso modo in determinate condizioni di mercato.

La ricerca accademica, confortata dalle performance constatate, indica la presenza di sei fattori principali: value, high dividend, momentum, size, quality e low volatility. Ognuno di questi fattori può essere implementato singolarmente o all’interno di una strategia multi-fattoriale, attraverso gli ETF.

VALUE

I titoli value hanno valutazioni basse rispetto ai loro fondamentali, ma nel corso del tempo sovraperformano i titoli con valutazioni più elevate. Questi titoli possono essere individuati esaminando parametri quali il rapporto prezzo/valore contabile e prezzo/utili.

MINIMUM VOLATILITY

Nel corso del tempo, le azioni con una volatilità storica più bassa hanno tendenzialmente una performance migliore rispetto alle loro controparti più volatili. Questi titoli sono identificabili a partire dalla deviazione standard del loro rendimento.

        

SIZE

Le azioni di società a bassa capitalizzazione hanno generalmente una performance superiore rispetto a quella delle società con una capitalizzazione maggiore. Questi titoli possono essere facilmente individuati sulla base della capitalizzazione

 

                                

                           

DIVIDEND

I titoli che distribuiscono regolarmente dividendi elevati hanno generalmente una performance superiore a quelli con dividendi più bassi. E’ possibile individuarli facilmente  utilizzando il tasso di distribuzione dei dividendi.

                            

                                          

MOMENTUM

I titoli che hanno avuto una buona performance in passato continueranno probabilmente a sovraperformare quelli che hanno deluso. E’ possibile individuare queste azioni esaminando la loro performance relativa rispetto a quella di altri titoli su periodi diversi.

            

QUALITY

I titoli di società con un basso indebitamento e con una crescita stabile degli utili hanno un rendimento superiore a quelli di società con una qualità inferiore. E’ possibile individuarli a partire dal tasso di redditività del capitale proprio, dalla stabilità degli utili e dalla solidità del bilancio.

                     

Costruendo un portafoglio sulla base di questi fattori di investimento è possibile conseguire una performance migliore rispetto a quella degli indici ponderati in base alla capitalizzazione di mercato, in quanto consentono agli investitori di intercettare rendimenti aggiuntivi.  Oltre a catturare il premio al rischio globale che caratterizza le azioni, infatti, gli investitori possono intercettare i premi al rischio supplementari associati a questi fattori di investimento.

    

     

Diversificare l’allocazione

Gli investitori possono aumentare la diversificazione del portafoglio inserendo più di un fattore. Non solo i fattori di investimento possono generare rendimenti potenziali superiori a quelli del mercato in generale, ma alcuni di essi, in particolare quality e low volatility, possono anche ridurre la volatilità del portafoglio azionario. Includendo questi fattori difensivi, gli investitori possono ridurre in parte il profilo di rischio del proprio portafoglio. 

                

Le soluzioni multifattoriali possono determinare un miglioramento della performance aggiustata per il rischio.

Tuttavia, non va dimenticato che i fattori possono andare incontro a periodi prolungati di sottoperformance. Più in generale, è stato dimostrato che i premi per l'esposizione a questi fattori variano nel tempo. Se questa variazione temporale dei rendimenti non è completamente sincrona tra i fattori gli investitori possono, ripartendo l’allocazione tra i fattori, diversificare anche le fonti di sovraperformance e conseguire una performance più stabile nelle differenti fasi di mercato.

In particolare, l'esposizione a fattori i cui premi si comportano in modo diverso a seconda delle condizioni del mercato, dà luogo ad una sovraperformance più stabile.  Amundi ETF ed il fornitore di indici ERI Scientific Beta lavorano in partnership dal 2014 allo scopo di fornire agli investitori soluzioni passive multi-fattoriali.

       

     

Combinare i premi al rischio ed un approccio market neutral

Con tassi di interesse e rendimenti obbligazionari prossimi ai minimi storici, molti investitori si rivolgono ai mercati azionari alla ricerca di guadagni potenzialmente maggiori. Tuttavia, la volatilità intrinseca delle azioni potrebbe essere troppo elevata e gli investitori preferiscono optare per strategie meno volatili. Per risolvere questo dilemma, Amundi ETF ha messo a punto un'esposizione innovativa.  

La strategia combina in un unico fondo Ucits due posizioni azionarie complementari: un’esposizione lunga all’indice di strategia iSTOXX Europe Multi-Factor Market Neutral, composto da sei fattori del mercato azionario europeo, e un’esposizione corta composta dalla vendita di futures su azioni europee. 

L’abbinamento delle due esposizioni si traduce in un portafoglio azionario dotato di copertura, market-neutral, che offre una performance potenziale superiore sul lungo periodo e livelli di volatilità tipici del reddito fisso. L’indice è caratterizzato, inoltre, da una bassa correlazione con le altre classi di attivi, offrendo così un significativo potenziale di diversificazione in un portafoglio più ampio.