Il report sui flussi a cura di Amundi ETF - settembre 2018

Lunedì, 08 Ottobre 2018

Expertise, Video

          

  

Dopo una pausa nel secondo trimestre, gli afflussi nel mercato europeo degli ETF hanno nuovamente accelerato: le nuove attività nette negli ultimi tre mesi ammontano a 11,6 miliardi di euro, portando il totale a 37 miliardi nel 2018.

Per quanto concerne le azioni, da una parte, alcuni dei trend principali appaiono ancora forti nel terzo trimestre: le azioni statunitensi sono in cima alla classifica, sia nel trimestre che da inizio anno, mentre i paesi emergenti continuano a registrare flussi negativi. Dall’altra parte, altri trend sembrano aver subito un’inversione: le azioni europee hanno catturato l’interesse degli investitori, con un aumento di oltre un miliardo di euro nel periodo; i flussi azionari globali si sono quasi prosciugati nonostante rappresentassero la parte più consistente della raccolta nel trimestre precedente.

Per quanto riguarda le esposizioni settoriali, gli investitori hanno privilegiato le azioni difensive: rappresentano oltre l’80% dei flussi verso gli ETF settoriali. Possiamo osservare lo stesso approccio prudente nell’universo dei fattori, infatti, i fattori Minimum Volatlity e Quality hanno catturato la maggior parte del miliardo di euro allocato nell’universo Smart Beta nel corso del trimestre.

Nell’universo obbligazionario c'è un rinnovato interesse per il debito pubblico europeo e per quello statunitense. Oltre a questo forte trend del 2018, notiamo un’inversione di tendenza nel debito pubblico emergente: dopo 2 trimestri di deflussi questa esposizione ha raccolto 800 milioni di euro negli ultimi tre mesi.

Sul fronte del debito societario, l'inversione delineata all'inizio dell'estate ha guadagnato terreno, con una raccolta di oltre 1 miliardo di euro, principalmente guidata delle obbligazioni a tasso variabile.

Infine, si può notare che l'interesse per le materie prime è considerevolmente svanito. Abbiamo osservato deflussi per un totale di 2 miliardi di euro, nonostante i prezzi continuino ad essere ben orientati.